Cinema

Il resto di niente

2004 - Storico

Liberamente tratto da un romanzo di Enzo Striano
REGIA Antonietta De Lillo
PRODUZIONE QUALITYFILM| Istituto Luce
DISTRIBUZIONE Revolver
DURATA 103 minuti

CAST
Maria de Medeiros, Rosario Sparno, Imma Villa, Raffaele Di Florio, Riccardo Zinna,Marco Manchisi, Lucia Ragni, Enzo Moscato, Mimmo Esposito, Federico Torre.

SINOSSI

Eleonora Pimentel De Fonseca nasce nel 1752 a Roma. Portoghese di nascita e nobile di origine, si trasferisce a Napoli con la famiglia, vivendo i primi anni della propria vita fra cultura e poesia. Il fallimento del matrimonio di interesse con il Conte De Solis, seduttore e repressore, rinforza il desiderio di Eleonora di immergersi nella poesia che personalmente scrive, e frequentare i circoli letterari dell’epoca, che per primi diffondevano le teorie liberiste francesi in opposizione all’idea di monarchia. Questo idealismo, che abbraccia con convinzione, la conduce a essere considerata una ribelle, e a essere imprigionata dal regime.

 

Il cinema della staticità di Antonietta De Lillo, descrive gli umori e le filosofie di un’epoca di fortissimo cambiamento, aperta alla libertà e all’uguaglianza, e ancora così rigida perché legata alla storia. Staticità in movimento, in cui ogni singolo movimento o dettaglio ha un’importanza estrema, diretta a comprendere i sottili meccanismi della nobiltà e delle istituzioni del tempo.

Maria De Medeiros, che interpreta la protagonista, recita in italiano, conferendo un distacco e freddezza al suo personaggio, diviso fra tradizione e innovazione. Lo spirito di De Oliveira appare a tratti, ispiratore di un cinema colto che la De Lillo abbraccia e fa suo, realizzando un film affascinante e colto, così lontano dalle commedie italiane che affollano oggi le nostre sale, così intenso e coerente con le idee rivoluzionarie della sua protagonista.

PREMI, RICONOSCIMENTI E CANDIDATURE
Il resto di niente è presentato alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia 2004 evento speciale nella sezione concorso.

Altri riconoscimenti e candidature a premi:

2005 – David di Donatello
Migliori costumi a Daniela Ciancio
Nomination Migliore attrice protagonista a Maria de Medeiros | Nomination Miglior scenografia a Beatrice Scarpato

2006 – Nastro d’Argento
Nomination Migliore sceneggiatura a Giuseppe Rocca, Laura Sabatino e Antonietta De Lillo | Nomination Migliore fotografia a Cesare Accetta | Nomination Migliore scenografia a Beatrice Scarpato | Nomination Migliore costumi a Daniela Ciancio | Nomination Migliore colonna sonora a Daniele Sepe

2005 – Globo d’oro
Miglior fotografia a Cesare Accetta

2005 – Ciak d’oro
Miglior film nella categoria “Bello e invisibile” | Migliore fotografia a Cesare Accetta | Migliori costumi a Daniela Ciancio | Migliore scenografia a Beatrice Scarpato | Nomination Miglior produttore a Mariella Li Sacchi e Amedeo Letizia | Nomination Miglior manifesto

2005 – Premio Ennio Flaiano
Premio all’interprete femminile a Maria de Medeiros | Premio agli Sceneggiatori a Giuseppe Rocca con la collaborazione di Laura Sabatino, Antonietta De Lillo

2005 – Taormina Film Fest
Premio Piero Tosi per il miglior costumista a Daniela Ciancio | Premio Franco Cristaldi per il miglior produttore a Mariella Li Sacchi e Amedeo Letizia

2005 – Federazione Italiana Cinema d’Essai
Premio FICE

2005 – Giornate Professionali di Cinema
Premio FAC | Sannio Film Fest | Capitello d’oro al miglior film a Antonietta De Lillo | Capitello d’oro ai migliori costumi a Daniela Ciancio